• 中国シルク博物館、イスラエルで収蔵品展示 2018-03-27
  • 原平交警大队加强辅警警务知识培训提升履职能力 2018-03-27
  • 农业部发布控制小麦赤霉病危害技术指导意见 2018-03-27
  • 景芝酒业刘全平:品类价值开创中国高端白酒新时代 2018-03-27
  • 五一海信电视VIDAA2上市 前景被看好 2018-03-27
  • 担重任擦亮文化名片——访市文广新局党委书记、局长张弢 2018-03-27
  • 信阳福彩积极参与义务植树公益志愿活动 2018-03-27
  • 如何构建社会主义和谐文化体系 2018-03-27
  • 农产品搭“快车” 今年快递服务将再升级 2018-03-27
  • 三星高管:芯片行业壁垒高中国对手想超过我们不容易 2018-03-27
  • 猫样小魔女 聂晴 言情小说 豆豆小说阅读网 2018-03-27
  • 交通部回应专车改革八大焦点 2018-03-27
  • Baby豪宅疑曝光!整个客厅都是游乐场 2018-03-27
  • 把防城港深厚丰富的边海文化展现给世界 2018-03-27
  • 英媒称中美展开数字技术争霸战 中国拥有“规模”优势 2018-03-27
  • 意语阅读:《木偶奇遇记》1

    时间:2011-03-28来源:互联网  进入意大利语论坛
    核心提示:1. Come and che Mastro Ciliegia, falegname, trov un pezzo di legno, che piangeva e rideva come un bambino Mastro Ciliegia C'era una volta... Un re! diranno subito i miei piccoli lettori. No, ragazzi, avete sbagliato. C'era una volta un pezz
    (单词翻译:双击或拖选)

    北京PK10代理 www.travelui.com.cn 1. Come andò che Mastro Ciliegia, falegname, trovò un pezzo di legno, che piangeva e rideva come un bambino

    Mastro Ciliegia

     

    C'era una volta...

     

    "Un re!" diranno subito i miei piccoli lettori.

    No, ragazzi, avete sbagliato. C'era una volta un pezzo di legno.

    Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d'inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.

    Non so come andasse, ma il fatto gli è che un bel giorno questo pezzo di legno capitò nella bottega di un vecchio falegname, il quale aveva nome mastr'Antonio, se non che tutti lo chiamavano maestro Ciliegia, per via della punta del suo naso, che era sempre lustra e paonazza, come una ciliegia matura.

    Appena maestro Ciliegia ebbe visto quel pezzo di legno, si rallegrò tutto e dandosi una fregatina di mani per la contentezza, borbottò a mezza voce:

    "Questo legno è capitato a tempo: voglio servirmene per fare una gamba di tavolino."

    Detto fatto, prese subito l'ascia arrotata per cominciare a levargli la scorza e a digrossarlo, ma quando fu lì per lasciare andare la prima asciata, rimase col braccio sospeso in aria, perché sentì una vocina sottile che disse raccomandandosi:

    "Non mi picchiar tanto forte!"

    Figuratevi come rimase quel buon vecchio di maestro Ciliegia!

    Girò gli occhi smarriti intorno alla stanza per vedere di dove mai poteva essere uscita quella vocina, e non vide nessuno! Guardò sotto il banco, e nessuno; guardò dentro un armadio che stava sempre chiuso, e nessuno; guardò nel corbello dei trucioli e della segatura, e nessuno; aprì l'uscio di bottega per dare un'occhiata anche sulla strada, e nessuno! O dunque?...

    "Ho capito", disse allora ridendo e grattandosi la parrucca, "si vede che quella vocina me la sono figurata io. Rimettiamoci a lavorare."

    E ripresa l'ascia in mano, tirò giù un solennissimo colpo sul pezzo di legno.

    "Ohi! tu m'hai fatto male!" gridò rammaricandosi la solita vocina.

    Questa volta maestro Ciliegia restò di stucco, cogli occhi fuori del capo per la paura, colla bocca spalancata e colla lingua giù ciondoloni fino al mento, come un mascherone da fontana. Appena riebbe l'uso della parola, cominciò a dire tremando e balbettando dallo spavento:

    "Ma di dove sarà uscita questa vocina che ha detto ohi?... Eppure qui non c'è anima viva. Che sia per caso questo pezzo di legno che abbia imparato a piangere e a lamentarsi come un bambino? Io non lo posso credere. Questo legno eccolo qui; è un pezzo di legno da caminetto, come tutti gli altri, e a buttarlo sul fuoco, c'è da far bollire una pentola di fagioli... O dunque? Che ci sia nascosto dentro qualcuno? Se c'è nascosto qualcuno, tanto peggio per lui. Ora l'accomodo io!"

    E così dicendo, agguantò con tutt'e due le mani quel povero pezzo di legno e si pose a sbatacchiarlo senza carità contro le pareti della stanza.

    Poi si messe in ascolto, per sentire se c'era qualche vocina che si lamentasse. Aspettò due minuti, e nulla; cinque minuti, e nulla; dieci minuti, e nulla!

    "Ho capito", disse allora sforzandosi di ridere e arruffandosi la parrucca, "si vede che quella vocina che ha detto ohi, me la sono figurata io! Rimettiamoci a lavorare."

    E perché gli era entrata addosso una gran paura, si provò a canterellare per farsi un po' di coraggio.

    Intanto, posata da una parte l'ascia, prese in mano la pialla, per piallare e tirare a pulimento il pezzo di legno; ma nel mentre che lo piallava in su e in giù, sentì la solita vocina che gli disse ridendo:

    "Smetti! tu mi fai il pizzicorino sul corpo!"

    Questa volta il povero maestro Ciliegia cadde giù come fulminato. Quando riaprì gli occhi, si trovò seduto per terra.

    Il suo viso pareva trasfigurato, e perfino la punta del naso, di paonazza come era quasi sempre, gli era diventata turchina dalla gran paura
     

    顶一下
    ()
    0%
    踩一下
    ()
    0%

    热门TAG: 意语阅读 木偶奇遇记


    ------分隔线----------------------------
    [查看全部]  相关评论
    论坛新贴
    ?